Salviamo l’identità del Piuttosto che

La serie [impara a scrivere in italiano: adottiamo la grammatica italiana] Sesta puntata

Pochi giorni dopo la prima puntata di questa rubrica che, sebbene abbia l’esplicito scopo di provocazione, dà un piccolo contributo a stimolare l’attenzione verso la scrittura corretta della lingua italiana (pratica che si sta pian piano dimenticando a causa di un uso troppo frettoloso dei mezzi di comunicazione come i Social Network e qualsiasi altro strumento tecnologico di corrispondenza), i nostri lettori ci hanno richiesto una grafica a sostegno del piuttosto che. Ho cercato molto su internet, incuriosita dalla quantità di richieste che ci sono arrivate, e ho scoperto che ci sono decine di siti, blog, pagine su Facebook, che esprimono avversione verso l’abitudine a quest’errore, che si diffonde sempre di più a causa dei media (compresi giornali e televisione) che lo commettono costantemente, contribuendo così alla sua continua diffusione. Quindi anche noi, nel nostro piccolo, tenteremo di salvare l’identità del piuttosto che.

Piuttosto che diffondere strafalcioni, rimani in silenzio!

Per sostenere la nostra campagna [impara a scrivere in italiano: adottiamo la grammatica italiana], abbiamo preparato una grafica che riguarda l’uso errato del Piuttosto che. Come di consueto, c’è anche la versione testuale. Condividiamola per un web (e non solo) salvo dal Piuttosto che insensato.

Salviamo l’identità del Piuttosto che

 

La regola

Piuttosto che significa ‘anziché’, ‘invece di’, indica cioè una preferenza accordata a un elemento rispetto a un altro.

Preferisco andare in bicicletta piuttosto che usare l’automobile non è uguale a ‘Preferisco andare in bicicletta oppure usare l’automobile.

Piuttosto che è comparativo non disgiuntivo (non significa ‘oppure’).

Questa sera, se vogliamo uscire, possiamo andare al cinema piuttosto che al teatro. Questa sera, se vogliamo uscire, possiamo andare al cinema oppure a teatro.

Piuttosto che è comparativo non aggiuntivo (non significa ‘oltre che’).

Al mercato potete trovare ogni tipo di verdura: pomodori piuttosto che peperoni, piuttosto che melanzane. Al mercato potete trovare ogni tipo di verdura: pomodori oltre che peperoni, oltre che melanzane.

Dove è più diffuso l’errore

Giornali: carta stampata, giornali e blog; Radio: trasmissioni di vario genere; TV: programmi di vario genere, presentatori e annunciatori; Nord Italia: probabilmente ha origine nel parlato del Nord Italia, rapidamente diffuso tramite i media

Autore dell'articolo: Eleonora Lo Iacono

14 commenti su “Salviamo l’identità del Piuttosto che

    David Galligani

    (29 Gennaio 2014 - 10:24)

    Io ti amo! Grazie di esistere… 😀

    Elena

    (30 Gennaio 2014 - 10:53)

    Finalmente!! Dava un fastidio sentirlo…Credo, piuttosto, che sia un francesismo o sbaglio?

      Eleonora Lo Iacono

      (30 Gennaio 2014 - 19:14)

      Penso sia diventata un’abitudine all’errore, nata dall’idea che “Un piuttosto che” qui e là renderà le mie frasi più forbite.

        Alessandro Madeddu

        (7 Febbraio 2014 - 11:27)

        Da qualche parte ho letto che l’abitudine si sarebbe formato nell’area di Torino in ambienti borghesi, dove questo “piuttosto che” sembrava ‘dare un tono’. Insomma, un tentativo di sembrare più istruiti.

        Diffondo subito e senza indugio l’infografica e il post! 🙂

          Eleonora Lo Iacono

          (8 Febbraio 2014 - 16:20)

          Grazie Alessandro!
          Sì: inspiegabilmente pensano che dia un tono commettere errori grammaticali.

    Annalisa

    (7 Febbraio 2014 - 15:47)

    Ah! Finalmente! Grazie delle precisazioni!

      Eleonora Lo Iacono

      (8 Febbraio 2014 - 17:14)

      Ciao Annalisa, grazie a te per aver lasciato un segno del passaggio e dell’apprezzamento 🙂

    Lucia Donati

    (7 Febbraio 2014 - 17:40)

    Un post utile. Anche io non ne posso più di veder strapazzata la lingua italiana! Complimenti per l’articolo.

    Elisabetta Martelloni

    (8 Febbraio 2014 - 09:51)

    Grazie!

    Cosa scrivi blog

    (10 Maggio 2014 - 00:20)

    Interessante il post perché riflettere sugli strafalcioni in agguato fa sempre un gran bene.

    verba

    (20 Settembre 2014 - 02:20)

    oppure potremmo usarlo tutti finche’ la lingua non muta piuttosto che fare campgne di questo tipo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *