Oggi è mer nov 22, 2017 3:36 pm

Regole del forum


In questo Forum puoi commentare i Racconti ma non puoi aggiungere nuovi argomenti.
Qui vengono inseriti i Racconti scelti dalla Redazione per Radio Volant.
Per maggiorni informazioni leggi il regolamento qui: REGOLAMENTO Radio Volant
Se non sai cos'è Radio Volant, leggi qui: COS'E' Radio Volant



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 5 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: India tra realtà e fantasia
MessaggioInviato: mar mag 12, 2009 10:49 pm 
Non connesso
Aspirante Scribertuccina
Aspirante Scribertuccina
Avatar utente

Iscritto il: mer apr 08, 2009 2:16 pm
Messaggi: 121
Edit Admin: Racconto scelto e registrato per Radio Volant
ASCOLTA IL BRANO

Voce: Simona D'Amico

Ascolta Radio Volant


Ho sempre desiderato visitare l'India.
Se credessi nella reincarnazione, direi che in una vita precedente devo essere stata una Maharani o, più probabilmente, un povero paria.
E adesso ci sono, in India. Nel Rajastan, perché viaggio da sola e non me la sono sentita di avventurarmi nelle regioni più devastate dalla fame e dalle malattie.
Sono uscita presto dall'albergo stamattina, la comodità della mia camera mi fa sentire in colpa, come un guardone che, protetto dal benessere che la sua agiatezza di occidentale gli consente, spia delle miserie che non ha nessun diritto di vedere. Perché non gli appartengono e perché alla fine ripartirà senza avere fatto niente per alleviarle.

Mentre cammino senza meta mi sento annegare in una malinconia amara, fatta di pena e di impotenza e di rabbia.
Avanzo per una strada lunga e assolata, costeggiata da un marciapiede che di notte offre un duro giaciglio ai senzatetto. Non lontano intravedo uno dei tanti slums, le bidonville dell'India, dove la gente vive e soprattutto muore senza acqua, senza cibo, senza Dio.
La malinconia si muta in un'angoscia struggente. Devo scuotermi, devo staccarmi almeno per oggi dalla sofferenza di questo paese che ogni giorno di più sta diventando anche la mia.

E' così che arrivo all'Amber Fort, un forte del colore del miele che racchiude all'interno delle sue mura padiglioni e palazzi degni di Sheherazade.
Un altro dei tanti contrasti dell'India.
E l'angoscia cede il posto ad altri sentimenti, così concreti e così familiari per noi occidentali da diventare rassicuranti. L'insofferenza per i turisti vacanzieri che, senza avere neanche sfiorato la realtà di questo paese, torneranno a casa con mille cose da raccontare. Lo sdegno per il patetico circo degli elefanti bardati a festa per appagare la futile smania delle foto-ricordo. L'avversione per la trasandatezza e per la chiassosità delle turiste, così dozzinali al confronto con la grazia e con la femminilità delle donne in sari.

Girovagando per l'Amber Fort resto come fulminata da una grande stanza senza finestre, con migliaia di pietre dure e una miriade di minuscoli specchi incastonati nelle pareti e nelle volte del soffitto.
Un vecchio mi si avvicina e in un inglese dolce e traballante inizia a cantilenare una storia più romantica di una leggenda:
“Questa è la Sala degli Specchi, la Sheesh Mahal.
Il Raja Jai Singh la costruì per la sua Maharani, per donarle tutte le stelle del cielo.
Bastava accendere delle candele e le fiammelle si riflettevano negli specchi creando un nero cielo stellato a qualsiasi ora del giorno.”

Probabilmente, anche se il vecchio non lo dice, l'amore del Raja fu precario come le fiammelle delle sue candele e migrò presto verso un'altra favorita.
Ma mi piace pensare che, negli anni o nei mesi o negli attimi in cui è durato, quell'amore abbia inondato la vita della Maharani. Che l'abbia fatta sentire preziosa e adorata e protetta. Che l'abbia avvolta con quella tenerezza a cui troppe donne dell'occidente hanno abdicato in favore dell'emancipazione.
E d'un tratto mi assale il bisogno, irragionevole e assoluto, di credere di essere stata davvero, in una mia vita precedente, proprio quella maharani. E di avere trovato, sotto quelle stelle accese solo per me, un conforto alle fragilità e alle insicurezze che in questa vita che mi vuole forte e determinata non avrò mai il coraggio di confessare neanche a me stessa.

Lo so che presto mi ritroverò di nuovo a tormentarmi per questo paese martoriato.
Ma in questo momento in cui una fantasia del passato porta alla luce una realtà del presente, la pena che provo è soprattutto per me stessa.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: India tra realtà e fantasia
MessaggioInviato: mer mag 13, 2009 1:17 pm 
Non connesso
Scribertuccina
Scribertuccina

Iscritto il: dom mag 03, 2009 6:18 pm
Messaggi: 557
un bel quadretto, un "affresco emotivo" descritto in prima persona

con qualche luogo comune che si perdona facilmente [[12]]

_________________
Iscritto n.105 (forse: ormai ho perso il conto...)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: India tra realtà e fantasia
MessaggioInviato: mer mag 13, 2009 5:16 pm 
Non connesso
Aspirante Scribertuccina
Aspirante Scribertuccina
Avatar utente

Iscritto il: mer apr 08, 2009 2:16 pm
Messaggi: 121
si. un affresco emotivo...

grazie della lettura.

Manuela


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: India tra realtà e fantasia
MessaggioInviato: sab ago 22, 2009 11:27 pm 
Non connesso
Site Admin
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 08, 2009 6:24 pm
Messaggi: 811
Edit Admin: Racconto scelto e registrato per Radio Volant
ASCOLTA IL BRANO

Voce: Simona D'Amico

Ascolta Radio Volant

_________________
REDAZIONE SCRIPTA VOLANT: SitoI NOSTRI CONCORSI LETTERARI GRATUITICATALOGOTwitterFacebookGoogle+


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: India tra realtà e fantasia
MessaggioInviato: dom ott 18, 2009 12:45 am 
Non connesso
Scribertuccina
Scribertuccina

Iscritto il: gio ott 15, 2009 1:15 pm
Messaggi: 553
Località: Palermo
L'ascolto del tuo racconto, ha richiamato alla memoria immagini d'un mio viaggio a Bombay(Mumbai) di tanti anni fa..
Avevo vent'anni e mi chiedevo - fra la gente che la sera dormiva sui marciapiedi, i ragazzini che ti chiedevano incessantemente qualche rupia, la quantità di mendicanti (troppi monchi o storpi, tanto da far pensare, come mi dicevano, che essendo 'paria' e non potendo far altro che mendicare le mutilazioni venissero fatte apposta), pure qualche lebbroso e preti indù che si mettevano in posa per denaro - perchè mai l'India avesse tanto fascino nell'immaginario occidentale..
Bello quel (segreto) desiderio di attenzione, tenerezza e protezione -al posto dell'apparire forti, grintosi e vincenti- più diffuso di quanto immaginiamo (e non solo fra le donne)


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 5 messaggi ] 

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Su template Styler - Designed by Eleonora Lo Iacono