Oggi è lun lug 24, 2017 1:29 pm

Regole del forum


Concorso per racconti brevi. 'Su un singolo foglio A4 è possibile stampare un racconto di due cartelle e piegandolo in un determinato modo è possibile ottenere una sorta di libretto che sta comodamente in un taschino, e non ha bisogno di rilegatura'.
Bando del Concorso | Catalogo Volanzine
Cos’è una VolanZine | Guida ‘Come piegare una VolanZine’ | Video: ‘Come piegare una VolanZine | Foto: ‘Il viaggio delle VolanZine



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 18 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: La rumba e i santi
MessaggioInviato: dom dic 11, 2011 5:50 pm 
Non è riuscito a prendermi, mi dispiace.
I dialoghi non sono accattivanti e incasinano la storia che non fila via liscia.
Peccato, perchè lo spunto non sarebbe stato male e le vendette mi ispirano molto.


Top
  
 
 Oggetto del messaggio: Re: La rumba e i santi
MessaggioInviato: mer dic 14, 2011 1:27 pm 
L'ho trovato molto confuso e non mi ha coinvolto.
è slegato, i dialoghi sembrano mozzati.
Credo che sia penalizzato dalla brevità, ma sarebbe stato più opportuno dare un taglio alla storia più adatto alle battute limitate.
A rileggerti! [[75]]


Top
  
 
 Oggetto del messaggio: Re: La rumba e i santi
MessaggioInviato: gio dic 15, 2011 11:18 am 
[[72]] Innocente sono... [[71]]
Ti piace il Viola, eh? Solo per l'uso spudorato del mio nome meriteresti la vittoria, ma ahimè, sono uno spiffero in mezzo a un tornado... [[51]]

Sì (con l'accento), un po' di cura per i dettagli credo ci voglia. La correttezza della forma perlomeno aiuta il lettore a non distrarsi osservando i refusi. Una rilettura a voce alta aiuta (parlo per me, naturalmente) a notare se i dialoghi funzionano, o se sembrano:
troppo artificiosi
“Perché sei qui?”
“C’è una rumba che devo ballare stasera.”
Non si può leggere... [[38]] [[38]]

o improbabili:“Pronto! Sara? Preparati a sistemare le cose, ho appena finito di ballare la mia Rumba!”
Tu quando commetti un omicidio parli così? [[53]]

E perché la rumba? Non si intuisce nemmeno, il motivo di una simile paranoia. E poi io preferisco il tango... [[93]]
E chi è Sara? Cosa deve sistemare? Chi siamo, e dove cavolo andremo a finire? Perché esistiamo, dunque? [[86]] Immagine
Riconosco il tentativo di affrontare in modo più originale una storia trita e ritrita, per quanto seria e delicata.
Nonostante tu abbia nominato il mio nome invano, ahimè, non ci riesci, ma con una bel remake e senza rumba (minuscolo), chissà...
[[78]]
[[12]]


Top
  
 
 Oggetto del messaggio: Re: La rumba e i santi
MessaggioInviato: gio dic 15, 2011 6:12 pm 
ARGOMENTO & TRAMA – Argomento e trama (molto in filigrana) ci sono anche se confesso di aver dovuto rileggere più volte le prime righe a causa di una difficoltà di capire chi parlava e quando e con quale modalità (realtà o pensiero?). Nonostante sia una scelta individuale e spesso non condivisa, ritengo che il pensiero di un protagonista sia meglio espresso in corsivo: mi spiego.
# Quando ho visto che non c’era più nulla da fare, ho preferito sul momento battere in ritirata.
“ Quelle rosse?”
“ Si, quelle rosse col tacco a spillo.”
Immagino che la decisione definitiva si prenda sempre nel momento in cui si percepisce di non poter più contribuire a modificare le cose, nemmeno sotto sforzo, nemmeno pregando qualche santo. #
Io la vedrei così: Quando ho visto che non c’era più nulla da fare, ho preferito sul momento battere in ritirata.
“ Quelle rosse?”
“ Si, quelle rosse col tacco a spillo.”
Immagino che la decisione definitiva si prenda sempre nel momento in cui si percepisce di non poter più contribuire a modificare le cose, nemmeno sotto sforzo, nemmeno pregando qualche santo.
La protagonista si prende la scena del racconto eppure non esce dal foglio, Sara appare solo come sponda per i dialoghi.
STESURA & STILE - se ricordo bene, le proposizioni subordinate introdotte da ‘anche se’ vanno separate dalla reggente, quindi: “sarebbe morto, anche se fosse stato un altro il chirurgo”. Poi un po’ di virgole ballerine: nella stessa frase, la virgola ci vuole anche “per salvare nostro figlio,Viola,…” e un paio di righi dopo “nell’esatto momento in cui è morto,sono convinta che non abbia provato nulla”
IN AGGIUNTA… - Nel complesso restituisce una sensazione di confusione (forse rispecchia quella mentale della protagonista?) e le carenze (evidenziate anche da altri commentatori) avrebbero potuto essere rlimitate dall’utilizzo dei quasi 8oo caratteri che ti avanzano!
I.S.S.G. (Indicatore Scherzoso & Sintetico di Gradimento) - [[38]] [[38]]


Top
  
 
 Oggetto del messaggio: Re: La rumba e i santi
MessaggioInviato: gio dic 22, 2011 10:04 pm 
Non connesso
Scribertuccina
Scribertuccina
Avatar utente

Iscritto il: lun lug 05, 2010 12:36 pm
Messaggi: 715
Località: Genova
Uhm.....mumble...sembra uno sfogo, ma ha l'aspetto di una riflessione. Secondo me, da ignorante in materia, l'uno cozza con l'altra. Devo rifletterci un po' su, ma a prima impressione non mi convince, scusa.

_________________
E se rido di tutto è per non piangere.
Byron (Don Giovanni)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: La rumba e i santi
MessaggioInviato: ven dic 23, 2011 2:07 pm 
Non connesso
Aspirante Scribertuccina
Aspirante Scribertuccina
Avatar utente

Iscritto il: gio mag 21, 2009 7:35 pm
Messaggi: 265
Mi è molto piaciuto. I salti di situazione, di tono, di prospettiva sono secondo me indovinati e danno interesse alla lettura. Una scomposizione riuscita, che sa farsi un racconto unito. Sul piano stilistico c'è qualche po' di ridondanza, specie all'inizio, e una punteggiatura a volte discutibile. "ho finito la mia rumba" mi è suonato troppo agganciato, al titolo e alla citazione che precede. Sa di un effettismo che non serviva perché il racconto ha sostanza e forma.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: La rumba e i santi
MessaggioInviato: sab dic 31, 2011 3:52 pm 
Ma quanto mi è piaciuto il titolo.
Bellissimo, evocativo.
Però poi mi sono accorta che la rumba non c'entrava niente né con il ballo, né con le scarpe rosse col tacco a spillo.
La povera rumba è solo una metafora. Ripetuta per tutto il racconto, invece di dare unità, ha finito per rendere tutto artificioso, costruito.
Come se effettuare l'equivalenza fra la rumba e l'omicidio fosse l'unica cosa importante.
Questo finisce per confondere e oscurare un tema enorme.
Se può consolarti, autore, non ho ancora letto un racconto che sia capace di parlare di un argomento così.


Top
  
 
 Oggetto del messaggio: Re: La rumba e i santi
MessaggioInviato: mar gen 10, 2012 11:04 pm 
Non connesso
Minus Quam Scribertuccia

Iscritto il: mar nov 02, 2010 12:16 pm
Messaggi: 67
Mi sono un pò persa... mi sa che dovrò rileggerlo.


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 18 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Su template Styler - Designed by Eleonora Lo Iacono