Oggi è mar set 19, 2017 12:36 pm

Regole del forum


Concorso per racconti brevi. 'Su un singolo foglio A4 è possibile stampare un racconto di due cartelle e piegandolo in un determinato modo è possibile ottenere una sorta di libretto che sta comodamente in un taschino, e non ha bisogno di rilegatura'.
Bando del Concorso | Catalogo Volanzine
Cos’è una VolanZine | Guida ‘Come piegare una VolanZine’ | Video: ‘Come piegare una VolanZine | Foto: ‘Il viaggio delle VolanZine



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 21 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: L'Apocalisse in fondo al delirio di un insonne
MessaggioInviato: mer dic 07, 2011 5:19 pm 
Non connesso
Site Admin
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 08, 2009 6:24 pm
Messaggi: 811
L'Apocalisse in fondo al delirio di un insonne

Ogni sera lo stesso calvario si ripeteva puntuale. Sproloquiava, inscenando amletici monologhi in stanza, roteando uno sguardo stranito e interrogativo attorno alle pareti, suo solo pubblico non plaudente, ma silente e paziente. Non riusciva proprio a prendere sonno. Neanche i tranquillanti, che aveva ingurgitato a più riprese, a distanza di ore, sortivano alcun effetto. Giaceva così annichilito sul letto, in preda a una stupefazione inebetita, a guardare le crepe di cui era disseminato il soffitto e fantasticava di una sua imminente rovina. Ma d'un tratto, disturbato da una goccia d'acqua, si alzò e si avventò furiosamente sul rubinetto strozzandone ermeticamente la guarnigione, assicurandosi che non gocciolasse più. Prima di ritornare nel letto a fissare il soffitto per divinarne oracoli, volle però scostare le tendine, per dare uno sguardo di fuori, come solleticato da una curiosità improvvisa. Una livida distesa cinerea, si perdeva davanti ai suoi occhi, illuminata dai lampioni agli angoli sulle strade deserte. La notte aveva finito per intristirlo, ma si trattava d'una malinconia stizzosa, tale che chiedeva d'essere agita per liberarsene. Allora accese il computer, i caratteri delle lettere cominciarono a punteggiare lo schermo, tamburellate con le dita sui tasti della tastiera, come un bombardiere pronto a innescare il suo ordigno, perché conosceva la potenza dinamitarda della parola. Riversò sul foglio elettronico, tutto ciò che gli turbinava dentro in una smania nervosa, come il procedere discontinuo e vorticoso d'una rapida, senza badare a concertare o ricamare le frasi componendole secondo il gusto di una prosa ricercata o impreziosita da qualche bizantina raffinatezza. E giù a piovere bestemmie contro questo o quello, oppure quando non riusciva ad individuare una persona all'origine di questa insonnia, imprecava contro il destino, sacramentandolo e non trovando più parole per adirarsi, menava fendenti alla cieca con il palmo nudo delle mani, come se così facendo potesse sorprendere chi si figurava come un Giuda più vigliacco di Giuda, che lo colpiva e lo tradiva alle spalle. Esaurita la crisi in questo dinamismo verbale, accese la televisione, ma a causa del tempo doveva esserci un disturbo, perché l'apparecchio non trasmetteva alcun segnale. Cominciò a accusare un brontolio allo stomaco. Aprì il frigo, ma non vi trovò che povere cose: un'ala di pollo intristita in fondo a un contenitore, velata da una insalata patita, un pezzetto di formaggio, una fettina di prosciutto scurita all'estremità, la metà di una mela. Benché l'aspetto non fosse dei più invoglianti, portò tutto in tavola e mangiò voracemente per placare la sua fame nervosa. Questo senso di sazietà, a lui insonne cronico, adesso gli conciliava il sonno. Prima di coricarsi però volle dare uno sguardo di fuori, sospinto da una curiosità che non seppe spiegarsi. Ma appena spostate le tende, vide il foscheggiare livido delle nubi, come abbeverate d'un filtro amaro e pernicioso, intinte nell'inchiostro più nero, che minacciavano di svelenirsi con scrosci di pioggia. Ne ebbe una impressione spiacevole, ma avendo sonno, si consolava pensando che l'indomani si sarebbe svegliato col bel tempo. Non sapeva che quelle nubi arcigne, iniettate di un colore così violento e cinereo, messaggere arcane della fine dei tempi, stavano per versare il loro fiele sulla terra. Ancora sveglio a quell'ora tarda della notte, non ci faceva neanche caso. Un banale colpo di sonno, capitato proprio a lui, insonne da anni, lo tradiva, estromettendolo per sempre dall'orizzonte visivo dell'evento ultimo, compendio di tutte le attese della storia. Era l'Apocalisse e finalmente dormiva beato. Non si prevedevano repliche.



VOTA QUI:
viewtopic.php?f=47&t=4572


N.B Questi racconti sono di proprietà dei legittimi autori, pubblicati in questo forum in licenza creative commons.
I testi non riportano i crediti dei legittimi proprietari perchè partecipano al concorso VolanZine che, come da regolamento, prevede l'assenza dell'autore.
Per contatti: redazione@scripta-volant.org

_________________
REDAZIONE SCRIPTA VOLANT: Sito • I NOSTRI CONCORSI LETTERARI GRATUITI • CATALOGO • Twitter • Facebook • Google+


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: L'Apocalisse in fondo al delirio di un insonne
MessaggioInviato: gio dic 08, 2011 11:08 pm 
ottima l'idea, meno lo svolgimento
alcune ripetizioni, svariati errorucci
riassumendo, mi è parso un po' chiuso, come racconto
un po' troppo, forse, da fine del mondo
non mi dispiace, nel complesso, ma non mi entusiasma
in sospeso


Top
  
 
 Oggetto del messaggio: Re: L'Apocalisse in fondo al delirio di un insonne
MessaggioInviato: ven dic 09, 2011 9:30 pm 
Trovo che sia un racconto difficile: bello, ma non lampante.
Divertente, ma impegnativo.
Forse sono abituata a leggere storie divertenti che mi diano il tempo di assaporarne l'umorismo mentre
qui è tutto un susseguirsi di battute e fini descrizioni: forse è un umorismo troppo ricercato per il
mio palato molto terra-terra.
Tornerò a rileggerlo, comunque. Indiscutibilmente merita la stessa quantità di attenzione che ci ha
messo l'autore nello scriverlo.


Top
  
 
 Oggetto del messaggio: Re: L'Apocalisse in fondo al delirio di un insonne
MessaggioInviato: ven dic 09, 2011 9:36 pm 
Non connesso
Apprendista Scribertuccia
Apprendista Scribertuccia
Avatar utente

Iscritto il: gio nov 24, 2011 9:47 pm
Messaggi: 1460
E' scritto con un linguaggio aulico e pretenzioso che non si addice alla scena creata, che è piuttosto dimessa. Poi, quando si sale ad usare così tanta enfasi, gli errori si pagano doppi: difficile che un rubinetto abbia una "guarnigione". C'erano soldati di guardia alla goccia? [[30]]
Forse la botta finale sarebbe stata piu' forte se il protagonista avesse sentito arrivare il sonno , avesse pensato con gioia immensa che finalmente era guarito, e iniziando a fare nuovi progetti per una vita nuova a partire dall'indomani...

Ah, dimenticavo: il titolo non va per niente bene, svela troppo. :neutral:

_________________
C'è una meta / per il vento dell'inverno: / la noce del cuollo.
(G. Marziano)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: L'Apocalisse in fondo al delirio di un insonne
MessaggioInviato: ven dic 09, 2011 9:53 pm 
Non connesso
Aspirante Scribertuccina
Aspirante Scribertuccina

Iscritto il: mar mag 31, 2011 2:58 pm
Messaggi: 269
Concordo con Paul Olden su quasi tutto, però l'ho letto volentieri e non mi è dispiaciuto. Il linguaggio non mi pare aulico, anzi in molti punti usa vocaboli che rientrano nel parlato quotidiano, per esempio "sacramentandolo" o "giù a piovere bestemmie". Ma quando scosta le tende vide il foscheggiare livido delle nubi, come abbeverate di un filro amaro e pernicioso.
Un' apocalisse dovrebbe essere sempre "in fondo" a qualcosa. Usata nel titolo sembrerebbe una metafora. E non è così. Ha ragione P.O.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: L'Apocalisse in fondo al delirio di un insonne
MessaggioInviato: dom dic 11, 2011 4:19 pm 
Se deve essere una sorta di flusso di coscienza, c'è troppa punteggiatura; se così non è, la mancanza degli "a capo" rende la lettura molto difficile.
C'è una certa disarmonia nell'alternarsi tra passato remoto e imperfetto e concordo con P.O. quando dice che avresti dovuto strutturare meglio la parte finale.
Secondo me, dovresti rivederlo un po'.


Top
  
 
 Oggetto del messaggio: Re: L'Apocalisse in fondo al delirio di un insonne
MessaggioInviato: dom dic 11, 2011 11:28 pm 
Paul e Antonella, prima di me, hanno espresso perfettamente cosa penso.
Sarò onesta, e aggiungo che ho faticato molto a finirlo. Eppure avevi trovato una bella idea...
Peccato, e alla prossima.


Top
  
 
 Oggetto del messaggio: Re: L'Apocalisse in fondo al delirio di un insonne
MessaggioInviato: lun dic 12, 2011 12:23 pm 
Racconto complesso, a partire dal titolo,
che si sviluppa in maniera un po' pesante.
Non mi è piaciuto molto, peccato,
lo scenario apocalittico mi ha sempre affascinato. [[12]]


Top
  
 
 Oggetto del messaggio: Re: L'Apocalisse in fondo al delirio di un insonne
MessaggioInviato: mar dic 13, 2011 7:22 am 
Non connesso
Scribertuccina
Scribertuccina

Iscritto il: mer giu 15, 2011 9:13 pm
Messaggi: 559
Insomma... non mi è piaciuto. A parte una virgola tra soggetto e verbo (che accolgo sempre con un principio di orticaria), a parte la scena del rubinetto che gocciola e ti impedisce di dormire che è un cliché troppo abusato, a parte il titolo che (come nota Paul) dice più di quel che dovrebbe, mi ha dato l'idea di essere stato "riciclato" da un'iniziativa di racconti sulla fine del mondo. Magari non è così, e la scelta del tema è una pura coincidenza, ma quest'impressione mi ha rovinato la lettura. Sorry [[29]]


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: L'Apocalisse in fondo al delirio di un insonne
MessaggioInviato: mar dic 13, 2011 1:35 pm 
Non connesso
Apprendista Scribertuccia
Apprendista Scribertuccia
Avatar utente

Iscritto il: ven ott 30, 2009 1:07 pm
Messaggi: 2337
peccato, l'idea è buona.
ma ho faticato molto per arrivare alla fine, peraltro prevedibile fin dalla lettura del titolo (cambialo, ti prego...).

ci sono troppi avverbi e aggettivi, a parere mio. e anche le virgole vanno un po' dove vogliono.

mi spiace.

a rileggerti.

[[33]]


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 21 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Su template Styler - Designed by Eleonora Lo Iacono